Turchia: autobomba davanti a tribunale di Smirne, almeno 10 feriti

Un attentato con autobomba ha colpito nel pomeriggio di giovedì 5 gennaio 2016 un tribunale nella città turca di Smirne, a cui è poi seguito uno scontro a fuoco tra la polizia e due sospetti terroristi.

Sono almeno dieci le persone che sono rimaste ferite dall'esplosione, avvenuta alla presenza di un gran numero di giudici e avvocati all'ingresso del palazzo di giustizia, al momento. Tre sospetti terroristi avrebbero poi aperto il fuoco contro la polizia, dando vita ad una vera e propria sparatoria proseguita all'interno degli uffici del tribunale.

Due degli attentatori sono stati uccisi, mentre uno è riuscito a darsi alla fuga. Sul posto sono al momento presenti numerose ambulanze, mentre un'auto è ancora in fiamme in seguito all'esplosione.

L'attentato odierno arriva a pochi giorni dalla strage di Capodanno ad Istanbul, dove un terrorista armato di kalashnikov ha fatto irruzione nel night club "Reina" uccidendo ben 39 persone. Il killer non è stato ancora identificato e le indagini sono tuttora in corso. 

Proprio la città di Smirne, sulla costa del Mar Egeo, è al centro delle indagini sull'attentato. Nella giornata di ieri, mercoledì 4 gennaio, sono stati infatti effettuati numerosi arresti in seguito al massacro di Istanbul. L'ipotesi è che l'uomo che ha fatto irruzione nel club non abbia agito da solo, ma che si sia avvalso della collaborazione di almeno un complice.

Autore vdc1985
Vota questo articolo
Avvia
Condividi

Lascia il tuo commento!