Sfrattati da casa, ora vivono in una piazzetta di Palermo!

Sono sempre di più le persone che non possono permettersi una casa e si ritrovano costretti a dover vivere in strada.
Questa è la storia di due coniugi palermitani che hanno trasformato un angolo di una piazza pubblica nella loro "casa". Si tratta di una tenda in cui dormire, uno stendino per il bucato e un tavolo di legno. Il signor La Torre era un dipendente di una ditta e, con il suo stipendio, riusciva a condurre una vita dignitosa. Un giorno questa ditta fallì e quest'uomo rimase senza lavoro. Cercò di inventarsene uno: raccoglieva ferrami ed elettrodomestici vecchi con la sua Ape50, regalatagli dalla madre. Purtroppo ciò era illegale, pertanto gli fu sequestrato il motocarro e venne imprigionato per inquinamento.
Adesso i coniugi La Torre vivono all'aperto da più di 60 giorni. Ogni lunedì i volontari gli portano del cibo e cercano di aiutarli. Ma ciò non basta per garantirgli una vita dignitosa, senza contare che tra breve arriverà l'inverno e non sarà possibile per i due signori vivere al freddo. Nel video, la situazione e l'appello del signor La Torre, che chiede aiuto a chiunque possa mettere fine alla sua sofferenza e garantirgli un posto in cui vivere.
Autore Alessandra
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Scelti da Noi

pescara e francavilla al mare sono balneabili?

pescara e francavilla al mare sono balneabili?

A Pescara, a causa della rottura di una condotta fognaria avvenuta il ...
migliaia di migranti a piedi da budapest a vienna.

migliaia di migranti a piedi da budapest a vienna.

Il video mostra una serie d'immagini che ritraggono un gruppo di circa...
tutti i rischi di google, facebook e dei social network

tutti i rischi di google, facebook e dei social network

Nel corso degli ultimi 5 anni Facebook, Google e numerosi altri social...
ecco chi è il capofrutta max gaetano, leader dei fruttariani italiani

ecco chi è il capofrutta max gaetano, leader dei fruttariani italiani

In questa intervista, Massimiliano Max Gaetano, detto "il Capofrutta",...
incendio ad un deposito giudiziario: la mano della camorra?

incendio ad un deposito giudiziario: la mano della camorra?

Ci troviamo a Giugliano, provincia di Napoli e le immagini che si poss...
profughi: il business dell'accoglienza

profughi: il business dell'accoglienza

I media non fanno che parlare d'altro: milioni di profughi, ogni giorn...

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!