Putin: "L'emergenza migranti? Era ampiamente prevedibile!"

"Sono sorpreso di vedere i media americani parlare di emergenza migranti, quando questa era ampiamente prevedibile". E' questa la posizione espressa da Vladimir Putin, commentando la situazione calda sul fronte immigrazione in Europa.

"Se vi ricordate, in Russia, il sottoscritto in particolare, più volte, qualche anno fa, avevamo previsto che l'Europa avrebbe dovuto affrontare problemi su vasta scala, se i nostri "partner" occidentali avessero continuato a portare avanti politiche estere sbagliate".

Putin può piacere o meno, sicuramente non è un esempio di democrazia, ma in questo caso, ha ragione in toto. La situazione attuale di caos in nord Africa ed in medio oriente era ampiamente prevista e prevedibile.

L'unica cosa che a mio modesto parere non è giusta, sta nel fatto che quelli occidentali non sono stati degli "errori", come li definisce Putin, ma delle strategie ben studiate e mirate per provocare tutto quello che oggi viene definito "errore".

Usa, Gran Bretagna e Francia sapevano benissimo che invadendo Gheddafi - e sopratutto, abbandonando il paese al caos, senza un governo capace di controllarlo - sarebbe scoppiata un'emergenza umanitaria, con bande di islamisti che si contendono il potere. Stesso discorso per quanto concerne l'Iraq di Saddam Hussein. Ed è strano che Putin consideri tutto questo un "errore" e non frutto di strategie folli. Non trovate?

Ascoltate questo intervento del leader russo e meditate.
Autore veritanwo
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!