Non dimentichiamo le scandalose parole di Prodi su Euro e Germania

Romano Prodi, il professore pacato con l'apparenza del gentile nonnino. Dietro a queste rassicuranti sembianze, si cela uno degli uomini italiani che insieme a Mario Draghi e Mario Monti, di cui è un "collega di Bilderberg" gode di maggiore fiducia negli ambienti bancari, finanziari ed elitari.
Prodi ha collaborato con Goldman Sachs; è stato un Commissario Europeo inflessibile, ed un premier capace persino di convincere gli italiani ad accettare la "tassa per l'Europa" pur di sacrificare il Paese sull'altare di Bruxelles.
Membro di Bilderberg, Trilaterale e altri consessi elitari e para-massonici, amico degli USA ma anche dei regimi balcanici e caucasici, fu scelto dai poteri forti per far entrare l'Italia in Europa, fu scelto per ordire la "grande truffa" promettendo che "avremmo lavorato un giorno in meno, ma guadagnato come se lavorassimo di più"... giudicate voi se le cose sono andate in questo modo... ma nonostante tutto il nostromo alle ultime due elezioni presidenziali era in pole position per salire al Colle, e non è detto che questo non avvenga tra 7 anni, visto che rispetto alle tante mummie che affollano i palazzi del potere italiani, è pure "giovane"... Prodi ci ha svenduto ed è ancora al suo posto a pontificare. Secondo voi quando siamo entrati nell'Euro lui non sapeva come sarebbero andate le cose? Craxi fu l'unico politico a dirlo chiaramente, così come fu l'unico politico ad essersi opposto agli USA (vedi "crisi della sigonella") e infatti sappiamo bene la fine che ha fatto, cosa che servì anche da monito agli altri politici: se ti genufletti all'Europa, al sistema lobbistico-massonico, farai carriera, sistemi i figli e sarai incensato. Altrimenti muori in esilio, se non in carcere, additato dall'intero Paese come un ladro....
Autore veritanwo
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!