"Mi hanno chiesto di comprare titoli in cambio di un prestito"

Fabrizio, un cittadino dei tanti che ha perduto tutti i propri risparmi con il fallimento di Banca Etruria, illustra il comportamento tenuto dalla banca nei suoi confronti, nella vicenda che ha portato alla perdita dei suoi soldi. Fabrizio dice apertamente di sentirsi "truffato" e afferma di essere sicuro che i vertici della banca già fossero consapevoli della situazione, pertanto ipotizza che chi gli ha fatto investire i soldi sapesse che avrebbe perduto tutto. Accuse gravissime, che in caso fossero provate, prevederebbero delle responsabilità precise, ben oltre al fallimento.

Fabrizio racconta che per ottenere un leasing ha dovuto accettare di investire in titoli proposti dalla banca. Questa è una situazione che sembra essere capitata a numerose persone, che per ottenere un prestito, un leasing o un affidamento, si sono sentiti chiedere dalla banca di investire. In alcuni casi, ci sono persone a cui la banca ha voluto concedere un prestito più alto, per poter investire più soldi, sui quali l'investitore ci pagherà un interesse. Si tratta di pretese ingiuste, ma dopotutto la banca non è tenuta a concedere prestiti, e può imporre delle condizioni.

L'investimento effettuato da Fabrizio si è rivelato subito un fiasco totale, ma la banca gli ha fornito delle spiegazioni che a suo dire non sarebbero state veritiere. Poi è arrivato il commissariamento, e gli eventi sono evoluti fino ai fatti di questi giorni, con centinaia di migliaia di famiglie che hanno perduto i loro risparmi di una vita...
Autore veritanwo
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!