La delusione per Tsipras - Il popolo greco tradito

Il premier greco Tsipras ha tradito il suo mandato e ceduto alle imposizioni del Parlamento Europeo.
Su di lui erano riposte le speranze del popolo greco unite a quelle dei popoli degli altri Stati che hanno perso la sovranità nazionale e che già da qualche anno soffrono le condizioni imposte dai loro governi.
Nonostante il referendum, che ha chiaramente espresso la volontà dei greci di rifiutare la manovra di austerità imposta e di trovare delle soluzioni di uscita dall'euro, il Tsipras, certamente colpevole di aver impostato una politica con idee rivoluzionarie, ma prive di fondamento e senza dei piani di attuazione precisi e determinati, ha ceduto ai ricatti e ha praticamente accettato condizioni peggiori di quelle in cui si trovava la Grecia prima del referendum popolare.
Questo, sicuramente, ha causato sfiducia e rassegnazione anche negli altri paesi europei.
Tsipras aveva vinto le elezioni e subito dopo un referendum importantissimo, per cui aveva ottenuto un potere forte del quale poteva approfittare.
Non bisognava necessariamente uscire dall'euro, eventualità che avrebbe temuto più l'Unione Europea che la Grecia stessa.
Ma Tsipras avrebbe potuto usare quest'arma per dettare le sue condizioni e coordinare la sua politica interna lottando contro la corruzione, l'evasione fiscale e imponendo una tassazione consistente sui patrimoni dei ricchi, per migliore la condizione dei numerosi poveri che stanno in Grecia.
Invece, deludendo chi aveva riposto la fiducia in lui, dopo aver svenduto la Grecia, ha chiesto le dimissioni.
Autore gaetano1954
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!