Ex Gladio: Ilaria Alpi boicottata da un uomo dei servizi segreti

Nel video un ex agente Gladio rilascia delle dichiarazioni sul caso irrisolto che rimane avvolto nel mistero: l'assassinio dei due giornalisti Ilaria Alpi e Milran Hrovatin, nel 1994 in Somalia. I due giornalisti indagavano sui traffici di armi e rifiuti tossici tra il nostro paese e la Somalia. In questi loschi traffici si presume che fossero coinvolti i servizi segreti, una parte della massoneria deviata oltre che alle varie associazioni mafiose italiane.

Secondo l'ex Gladio che nell'intervista resta anonimo, tra i vari centri Gladio quello più importante si trovava a Trapani ed era chiamato lo Scorpione. Questo si occupava del Nord Africa e del traffico di armi oltre ad avere rapporti con la mafia. Nel suddetto centro Gladio tra i "capi" c'era l'agente Cammisa che restando alle dichiarazioni dell'ex Gladio, fu colui che diede l'ordine alle bande somale di uccidere i due giornalisti. Non solo diede l'ordine ma dato che Ilaria e Miran dovevano spostarsi con un volo sempre su territorio somalo, Cammisa gli fece perdere il primo volo e all'arrivo del secondo trovarono giù la banda che gli uccise. Questi due giornalisti hanno perso la vita perché in Somalia hanno scoperto: i nostri rifiuti pericolosi (gettati direttamente dagli aeri nelle foci dei fiumi), il traffico di armi e pensanti movimentazioni di capitali.

Autore Ninco89
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!