Donne islamiche in Italia minacciate e aggredite perchè musulmane

Il 13 Novembre 2015 Parigi è stata attaccata e violentata da un forte attacco terroristico. Sono passate quasi due settimane, ma la paura è stata così forte che ancora se ne parla vivamente. La caccia ai responsabili sta proseguendo e il terrore per ulteriori attacchi si sta diffondendo, non solo in Francia, ma in tutta Europa.

Non basta pensare alle misure di sicurezza che le nazioni stanno prendendo, come, nel caso italiano, ad esempio, maggiori controlli alle frontiere. Le persone hanno paura e non c'è niente che può farli sentire al sicuro. Proprio questa sensazione di ansia e di insicurezza, che non va via nemmeno quando si chiude la porta della propria casa, è secondo molti lo sopo principale degli attacchi terroristici.

Questa voglia di sentirsi al sicuro spinge le persone a non essere razionali e sfocia nel bisogno di incolpare qualcuno. Siccome l'Isis, e gli attentatori di Parigi, sono troppo lontani, molti italiani hanno deciso di incolpare tutti gli islamici musulmani che incontrano per strada. Ognuno di loro è diventato un probabile nemico ai loro occhi, e il bisogno di proteggere la propria famiglia sfocia in minacce ingiustificate e aggressioni a random. Le vittime di questo stereotipo, che si sta diffondendo a macchia d'olio, sono proprio le donne islamiche, le quali sono l'oggetto perfetto per ogni tipo di violenza.

Nel video qui proposto sono stati intervistati a Napoli molti musulmani che hanno tentato di descrivere la situazione con cui devono convivere ogni giorno.
Autore Alessandra
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!