Cirinnà: "Festaggiare il Natale mangiando animali è da cannibali!"

Parole che stanno creando scalpore quelle di Monica Cirinnà, (animalista vegetariana) quando durante il programma di Rai Radio Uno "Un giorno da pecora" (con Geppi Cucciari) si è lasciata scappare certe frasi che faranno storcere il naso ai più tradizionalisti. Secondo la Cirinnà festeggiare una festa di pace e di rinascita come il Natale, mangiando carne o pesce offusca totalmente quello che è il vero significato del Natale. Questa è la frase incriminata:

  • "Chi a Natale mangia pesce e carne farà i conti con la propria coscienza, io dico che sono dei cannibali, e non è detto che sia un'offesa."

Secondo la Senatrice quindi, mangiare determinati cibi in occasione del Natale trasformerebbe le persone in cannibali, ci tiene infatti a sottolineare che ad esempio chi mangerà l'abbacchio dovrebbe rendersi conto di star mangiando un cucciolo, ossia il figlio della pecora. La Cirinnà invita i cittadini a sensibilizzarsi su questo argomento, a consumare cibi che non contengano carne o pesce, cibi che secondo molte teorie non solo sono dannosi alla salute ma creano uno scambio di energie negative, difatti digerendo carne o pesce, digereremo le agonie ed il terrore dell'animale nei suoi ultimi istanti di vita. Pensate alle sensazioni di un pesce che di colpo si ritrova con un amo infilzato in gola, fuori dall'acqua, a dimenarsi finchè non muore, o intrappolato in una rete schiacciato dai suoi simili senza la possibilità di respirare.

Questo è il succo del discorso di Monica Cirinnà che in risposta a chi pensa che non si possano gustare dei secondi senza carne o pesce, ci elenca alcuni dei piatti che preparerà a Natale: polpette di zucchine, di ceci, di melanzane, di lenticchie, e seitan al forno con purè di patate. Sicuramente con queste affermazioni attirerà le antipatie di cacciatori e macellai, oltre alle antipatie che si attira da tempo per essere stata la prima firmataria della legge sulle Unioni Civili comprendendo nella legge le unioni tra persone dello stesso sesso. E non si è fatta mancare una piccola critica alla pubblicità del panettone Motta che prende in giro i vegani, definendo lo spot offensivo verso chi non vuole partecipare allo sfruttamento e all'uccisione degli animali.

Nel video che vi alleghiamo potete rendervi conto dell'animo animalista di Monica Cirinnà, durante il commovente arrivo dei cani Beagle liberati dai terribili laboratori di vivisezione "Green Hill". Una scena davvero emozionante e significativa, con i cuccioli che finalmente ritrovarono coccole e libertà, dopo essere stati rinchiusi in delle gabbie, vittime di crudeli esperimenti.

Autore Strega
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!