Chavez: la crisi in Siria e Libia progettate dall'esterno

Hugo Rafael Chávez politico e militare venezuelano, presidente del Venezuela dal 1999 alla morte avvenuta il 5 marzo 2013 (causa tumore), si è sempre ribellato ai "potenti del mondo", dalle grandi multinazionali al presidente degli Stati Uniti non si è mai lasciato mettere i piedi in testa e ha sempre detto quello che pensava senza il minimo problema. Chavez era odiato per la sua sfrontatezza e per le sue continue frecciatine agli Stati Uniti, inoltre ha creato diversi problemi alle lobby del petrolio (quindi agli USA) quando appena diventato presidente nel 2002 ha imposto che la compagnie petrolifere dirigessero almeno il 10% degli investimenti su programmi di sviluppo sociale in Venezuela.

Da molti è considerato il Putin del Sud America, era in buon rapporti con la Libia quindi con Gheddafi e con la Siria di Assad, ne conosceva i retroscena ed infatti ha sempre gridato al mondo le verità nascoste sugli eventi che hanno colpito questi due "Stati Sovrani" negli ultimi anni.

Guardando questa intervista si trovano le risposte su questioni da sempre poco chiare, come ad esempio la morte di Gheddafi o gli interessi dell'occidente in Siria. Secondo Chavez le informazioni su Libia e Siria non sono corrette e ci spiega la sua versione dei fatti che a quanto pare oggi è la versione ritenuta più attendibile da molti.

Autore Ninco89
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!